Via San Sebastiano e il suo monastero: origini della strada della musica

Via San Sebastiano e il suo monastero: origini della strada della musica

Via San Sebastiano, prima di diventare la “strada della musica” di Napoli, era un gigantesco giardino pensile e faceva parte, appunto, del Monastero di San Sebastiano.

Proprio così. Era gestito dai Frati Cappuccini e si estendeva fino alla relativamente lontana Via Costantinopoli. Come tanti giganteschi complessi religiosi nel centro di Napoli, fu poi lentamente rimpicciolito nei secoli e sostituito dagli enormi edifici che ancora adesso rendono la strada larga poco più di 4 metri.

Via San Sebastiano lato Santa Chiara
Via San Sebastiano lato Santa Chiara

Un monastero antichissimo

Fino a ottant’anni fa Via San Sebastiano era collegata direttamente con Piazza Dante. Che comodità!

Fino al 1940, infatti, c’era qui l’ultimo rudere di un immenso monastero cadente, intitolato ai santi Sebastiano e Teodoro, i quali hanno dato anche il nome alla strada. Si dice che addirittura questo monastero fosse stato istituito direttamente dall’imperatore Costantino, stando ad una epigrafe ancora presente nella chiesa. La prima fonte documentata è però stata rinvenuta da Capasso e stabilisce più o meno intorno al VI secolo la presenza della struttura. 

La storia di questa struttura, però, è tutt’altro che felice: trecento anni fa il monastero era già fatiscente ed abbandonato, ma ancora abitato da monache, che rimasero fino al 1807. Dopo l’arrivo di Giuseppe Bonaparte, fu portata avanti una politica fortemente anticlericale, sul modello francese, espropriando moltissimi edifici di culto.

Il colpo finale era però già arrivato per mano dei Borbone e di Luigi Vanvitelli: durante la costruzione dell’odierno convitto Vittorio Emanuele furono inglobate diverse sezioni dell’antico monastero, che hanno dato modo ad alcuni punti della struttura di rimanere intatti e preservati: il chiostro, il più antico della città, è rimasto intatto e ancora oggi è teatro di concerti all’aperto, mentre quel che rimaneva della al di fuori del Convitto sarà poi eliminato negli anni seguenti, finché, negli anni ’40 del ‘900, crollò la cupola della chiesa.

Piazza Dante
Piazza Dante nei primi del ‘900: si vede la cupola di San Sebastiano che poi è crollata

Vico Carceri San Felice: un nome sbagliato

Negli anni ’50, in piena ricostruzione, furono eliminate le macerie del crollo e fu anche interrotto l’antichissimo collegamento con Piazza Dante, Vico Carceri S.Felice, oggi diventato un piccolo vicoletto monco. Si tratta di un nome scorretto: dovrebbe essere intitolato infatti a Ferdinando “Sanfelice” e non a un santo di nome Felice. Le case di questa strada furono costruite intorno al 1719 dal leggendario architetto napoletano e il figlio le destinò ad uso carcere femminile per i reati minori.

Via San Sebastiano
Via San Sebastiano lato Piazza Bellini

Via San Sebastiano oggi

Questa via è stata calpestata dagli allora giovanissimi Pino Daniele, James Senese, Bennato, senza dimenticare i due Murolo, Carosone, Scarlatti, Rossini, Pergolesi, Cimarosa ed infiniti altri illustrissimi nomi.
Grazie alla presenza del Conservatorio, infatti, in questa strada sono presenti le botteghe degli antichi maestri liutai, che, col passare dei secoli, si sono trasformate nei moderni negozi di strumenti musicali.

-Federico Quagliuolo

Riferimenti:
Romualdo Marrone, Le strade di Napoli
https://www.liceovittorioemanuelegaribaldi.edu.it/san-sebastiano/
http://www.palazzidinapoli.it/quartieri/san-giuseppe/via-san-sebastiano/ex-monastero-san-sebastiano/

3 comments
  1. Caro Quagliolo,
    Non avevo idea di questo collegamento: grazie dell’informazione. Sarebbe però opportuno che queste “storie” sulle trasformazioni della città fossero illustrate con degli stralci planimetrici, perchè -pur conoscendo la zona come le mie tasche (ci sono nato) – non riesco a capire dove questo collegamento tra Via San Sebastiano e Piazza Dante si potesse trovare.
    Grazie.
    Alessandro Sodano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
Via Chiaia? Era il letto di un fiume!

Via Chiaia? Era il letto di un fiume!

Via Chiaia, centro della bella Napoli, dei negozi, delle luci e della vita del quartiere più modaiolo e ricco della città. Eppure sapevate che questa strada era molto probabilmente un fiume? Ed ancora: conoscevate il vero nome del Ponte di Chiaia?