Exit/Enter a Napoli: la street art delle emozioni semplici

Exit/Enter a Napoli: la street art delle emozioni semplici

A chi non è capitato di notare in giro per il centro storico gli omini bianchi con cuori rossi e palloncini? Si tratta della street art di Exit/Enter a Napoli, un artista toscano che per anni ha girato l’Italia disseminando piccoli disegni sui muri di tutte le città: da Firenze, il luogo in cui è nato il progetto, a Napoli, Pisa, Livorno, Bologna, Palermo, Roma. Ma si trovano anche in Portogallo, Spagna e Olanda. Insomma, un bel curriculum!

Queste piccole figure sono un attacco d’arte tanto semplice quanto dolce, un modo per stuzzicare la fantasia e strappare un sorriso o una riflessione. Scopriamole.

Exit Enter a Napoli Via Benedetto Croce
Questa street art di Exit/Enter a Napoli si trova a Via Benedetto Croce. Fotografia di Federico Quagliuolo

Chi è Exit/Enter?

Come tutti gli artisti, il suo nome è conosciuto solo da pochi. È un giovane di origini toscane che ha studiato a Firenze all’Accademia di Belle Arti e, ad un certo punto, ha deciso di dedicarsi all’arte di strada creando un vero e proprio movimento di fan a livello europeo.

L’idea di fondo è tanto semplice quanto spiazzante: arte muta, gesti semplici senza volti, personaggi storici, protagonisti o messaggi occulti: ciò che si vede è ciò che l’artista pensa quando, rigorosamente di notte fra le 3 e le 4, esprime la sua arte sui muri. Una comunicazione diretta in un mondo in cui siamo ormai assuefatti dalle interpretazioni, dietrologie, segreti e seghe mentali che, se non ci sono, sembra non ci sia arte.

Exit/Enter a Napoli Via Mezzocannone street art
Exit/Enter a Napoli: questo è di via Mezzocannone. Fotografia di Federico Quagliuolo

L’arte di Exit/Enter a Napoli

Gli omini di Exit/Enter a Napoli cominciano a comparire di notte fra Piazza del Gesù e Piazza Bellini, poi si espandono irregolari in tutta la città. L’anno è il 2015 e il “nostro” amico visita Napoli assieme ad un suo e ne rimane innamorato perdutamente anche se, fuori da Napoli, purtroppo vincono spesso i pregiudizi.
Mi avevano detto che è pericoloso girare da soli, la confusione era tale che inizialmente avevo quasi voglia di fuggire. Poi mi sono innamorato di questa città e ancora oggi mi capita di sognarla“, spiega Exit/Enter.

Ogni omino rappresenta una scena: c’è chi cerca di raggiungere un cuore, chi vola, chi combatte un drago, chi cerca di scalare un muro rotto. Desideri semplici come gli istinti umani.

Street art mcdonalds pizza Exit/Enter a Napoli
Mcdonalds contro la pizza. Un omaggio a Napoli! Fotografia di Federico Quagliuolo

Il senso di questi omini

Il senso proprio del termine “Exit” ed “Enter” è esattamente questo: attraverso un piccolo disegno c’è lo spunto per entrare ed uscire da una piccola emozione, una espressione di creatività che stimola un pensiero.
D’altronde, la semplicità fa da padrona ed è un po’ l’opposto delle opere d’arte mozzafiato dei vari Bosoletti, Jorit e Zilda, che hanno colorato la città con le loro presenze immense e maestose.

Fra i tantissimi omini bianchi, però, c’è un piccolo bonus che omaggia Napoli: una pizza che sconfigge il McDonald’s. E su questo c’è ben poco da interpretare.

La prossima volta, passeggiando fra le strade di Napoli, aguzza lo sguardo per scoprire gli omini di Exit/Enter a Napoli: magari troverai l’occasione che di fare un sorriso o ricordare un evento piacevole. C’è chi è partito per una vera e propria caccia a tutti i graffiti, trovando una scusa così per imbattersi anche in nuove esperienze e scoperte fra le strade di Napoli.
Noi di Storie di Napoli ne abbiamo trovati solo alcuni fra Piazza Bellini, Piazza del Gesù, Via Mezzocannone e Via Costantinopoli: siamo curiosi di scoprire quanti ne troverai tu!

-Federico Quagliuolo

Il sito di Exit/Enter

You May Also Like
Tavola Strozzi: la spalliera di un letto che racconta la Napoli aragonese

Tavola Strozzi: la spalliera di un letto che racconta la Napoli aragonese

A volte ci pensiamo. Come sarebbe bello, anche solo per un momento, ritornare in un passato mai vissuto, e dare un’occhiata alla magia delle epoche a noi lontane. Perchè il passato, bello o brutto, ha sempre un retrogusto particolare. Nella realtà non si può, ma con un po’ di immaginazione diventa possibile; specie se davanti un dipinto come Tavola Strozzi, che riesce a farci immedesimare nella Napoli del Quattrocento.