La papaccella napoletana: non proprio un semplice peperone!

di Yuri Buono

La storpiatura del suo nome è davvero dietro l’angolo: “paparaccella“, “pappacella”, “pupacchiella” e, invece, il suo nome è “papaccella napoletana”. Chiariamolo subito perché per molti anni è stata fraintesa e bistrattata.
Sì, appartiene alla famiglia dei peperoni, ma ha bacche piccole, tondeggianti, leggermente schiacciate e costolute, da mangiare in ogni modo, anche cruda – mordendola appena raccolta – perché non è piccante come spesso erroneamente si crede.
Di una dolcezza unica e saporitissima: ideale per le conserve tradizionali sottaceto, sottolio, oppure sfritte in padella insieme a una gran bella costoletta di suino di razza casertana.

papaccella napoletana e porchetta
Papaccella e porchetta: una delizia da provare

Conosciamo la papaccella napoletana

Da luglio fino ai primi freddi, tutti i fruttivendoli vendono quintali di peperoni (purtroppo, anche negli altri mesi, ma non sono di stagione e il sapore non è nemmeno lontanamente assimilabile), ma solo una è la papaccella napoletana.
Quelle veraci sono piccole e raggiungono al massimo i dieci centimetri di diametro. Le bacche hanno colori decisi che variano dal verde intenso al giallo, fino al rosso fuoco o, addiriturra, vinaccia.
Generalmente si seminano a marzo e si raccolgono da luglio fino agli inizi di novembre.
Molti, erroneamente, lo definiscono “chiochiaro”, che altro non sarebbe che il “topepo”, una sorta di papaccella prodotta principalmente in Calabria che però è liscia e piccante, a differenza della nostra papaccella napoletana che è riccia e dolce.

Ed è proprio questo “topepo” che nei decenni passati è diventato il più diffuso sul mercato perché prodotto in larga scala, al punto da essere utilizzato anche nell’insalata di rinforzo, rubando la scena alla nostra papaccella, molto più indicata a preparare quelle conserve che, venendo meno le “nonne”, sono sempre di più diminuite.

papaccella napoletana conciato
Papaccelle napoletane e conciato

Un recupero delle tradizioni

Proprio per questo la Regione Campania ha recuperato i semi originari della papaccella riccia che sono stati poi utilizzati dai produttori del Presidio. Sì, perché la papaccella napoletana è diventato un Presidio Slow Food, proprio perché prodotto tradizionale considerato a rischio di estinzione.
Essa veniva coltivata storicamente nella zona di Brusciano, dove non è un caso che uno dei cognomi più diffusi sia proprio “Papaccio”. E proprio da qui parte questa storia bellissima, di un “peperone che non è un peperone”, al punto da dover stilare un severo disciplinare, che ha esteso l’area di produzione all’agro acerrano-nolano, tra le province di Napoli e Caserta.
Ora non vi resta che provarla e non avete scuse, proprio perché se anche i peperoni vi dovessero risultare indigesti (come capita a me), per la papaccella napoletana non sarà così, proprio perché…è un’altra cosa.
Provare per credere!

Yuri Buono
Riproduzione Riservata

Diventa un sostenitore!

Con un piccolo contributo manterrai in vita il più grande sito di divulgazione culturale della Campania! Per te tantissimi vantaggi

Lascia un commento


Warning: Undefined array key "allow_sel_on_code_blocks" in /home/storiena/public_html/wp-content/plugins/wccp-pro/js_functions.php on line 234
error: AVVISO: Non puoi copiare il contenuto!