Warning: Undefined array key "wccp_ver_num" in /home/storiena/public_html/wp-content/plugins/wccp-pro/play_functions.php on line 85

Warning: Undefined array key "wccp_ver_num" in /home/storiena/public_html/wp-content/plugins/wccp-pro/private-functions.php on line 78
Il Lago di Brignano: paesaggi incontaminati alle spalle di Salerno

Il Lago di Brignano: paesaggi incontaminati alle spalle di Salerno

di Chiara Sarracino

La città di Salerno non è esattamente famosa per i suoi laghi, avendo un porto e un mare che fanno invidia all’intera regione. E invece, sorprendentemente, alle spalle della città, si trova il lago di Brignano, uno specchio d’acqua circondato ancora da una natura che sembra quasi incontaminata, circondata da un panorama a dir poco incantevole sulla città.

Brignano è tagliata fuori dalle rotte turistiche della provincia perché, di fatto, è come se non esistesse: il lago è emerso durante gli scavi di una cava di estrazione dell’argilla e, dopo la chiusura della vicina fabbrica D’Agostino, è rimasto un luogo restituito alla natura, in attesa di una riqualificazione. Oggi è visitato solo dai conoscitori del territorio, curiosi e pescatori.

Lago di Brignano oasi
Il lago di Brignano e l’oasi attorno

Un lago nato per caso

Il Lago di Brignano è giovanissimo, ha meno di un secolo di vita. Nacque infatti intorno alla metà del ‘900 per opera degli operai della fabbrica D’Agostino ceramiche.
Nella località chiamata “Brignano”, che è sulla collina a nord est di Salerno, esisteva infatti già una fabbrica di mattoni aperta sul finire dell’800 dal nonno di Matteo: era abbastanza rinomata e forniva i suoi materiali molto raffinati agli artisti della scuola di Posillipo e ai maestri di Vietri.
Fu il nipote del fondatore, Matteo D’Agostino, a cambiare completamente il destino di questa struttura industriale: volle infatti trasformarla in un centro di eccellenza nel mondo delle ceramiche.
Alla fine, con il collasso economico delle imprese meridionali dopo la II Guerra Mondiale, tentò una nuova avventura: sfruttando il potere commerciale del marchio “ceramica di Vietri”, decise di investire in una nuova impresa. La chiamò “Ernestine“, in onore di sua moglie, e rimase attiva fino al 2011 producendo prodotti di design che spopolarono in America negli anni ’50: basterà pensare che addirittura i Kennedy erano loro clienti.

Gli stabilimenti, però, furono completamente delocalizzati a Vietri dopo la morte di Matteo D’Agostino e l’azienda sul colle di Brignano rimase inattiva. Il laghetto, che si era formato artificialmente, fu quindi popolato in modo artificiale da pescatori, che portarono carpe e altri pesci per praticare pesca sportiva. Poi le condizioni del territorio, abbandonato a sé stesso, peggiorarono. E i sentieri d’ingresso rimasero poco agevoli.

La presenza di argilla sul colle di Brignano, del resto, non è un caso: proprio sotto i piedi di chi cammina dalle parti del laghetto, che ha un fortissimo odore di terra e un’umidità altissima, sta camminando sopra un corso d’acqua affluente del fiume Irno, che si trova molto vicino.

Lago di Brignano
Il lago di Brignano

Il Lago di Brignano fra futuro e natura da restituire ai cittadini

Ci troviamo dinanzi a una situazione paradossale: il lago di Brignano è oggi un angolo di natura creato, paradossalmente, da un’operazione di devastazione dell’ambiente. Non è la prima volta che accade, ad esempio in Italia è molto famoso il lago rosso dell’Isola d’Elba.

Oggi, però, i ricordi del passato lasciano spazio solo alle piante che si sono riprese il territorio e ai progetti che dal 2004, anno dell’acquisizione della ex cava D’Agostino da parte del Comune, propongono la riqualificazione della zona.
L’ultima gara d’appalto si è chiusa nel 2020, per realizzare un avveniristico parco pubblico con tanto di lungolago, centro sportivo e campo da rugby. La realizzazione, però, è ancora lontana nel tempo. E a tutelare e diffondere la storia del Lago di Brignano ci pensa una pagina Facebook, popolata da tanti frequentatori che raccontano i propri ricordi legati al posto.

Insomma: fra montagne, colline e mare, Salerno ne ha per tutti i gusti. E, grazie al Lago di Brignano, potrebbe entrare in quella ristrettissima cerchia di città che possono vantare un lungomare e un lungolago nello stesso perimetro cittadino.

-Chiara Sarracino

Riferimenti:
D’agostino ceramiche (archivioceramica.com)
Salerno, costruzione Parco D’Agostino: in undici si contendono l’appalto – Cronaca – La Città di Salerno (lacittadisalerno.it)
(1) Ernestine | Facebook

Diventa un sostenitore!

Abbiamo deciso di eliminare le pubblicità dal sito web per garantire la massima godibilità delle nostre storie. Abbiamo però bisogno di un sostegno economico per mantenere in vita le nostre attività di redazione: unisciti ai sostenitori della nostra piattaforma, per te tanti vantaggi e video in anteprima!

Lascia un commento


Warning: Undefined array key "allow_sel_on_code_blocks" in /home/storiena/public_html/wp-content/plugins/wccp-pro/js_functions.php on line 226
error: AVVISO: Non puoi copiare il contenuto!