Passione di John Turturro, un film musicale sulla storia della canzone napoletana

di Francesca Cavallo

Passione è un docu-film girato nel 2013, diretto da John Turturro, attore e regista statunitense con cittadinanza italiana. Il film racconta con folklore estremo la storia della canzone napoletana, con una struttura simile a quella del musical cinematografico, ma con inserti curiosi e documentaristici.

Passione: la storia di Napoli è la storia della musica

”Passione” racconta e celebra la cultura e la storia partenopea, attraversando i suoi momenti estremamente bui o felici tramite i grandi della nostra terra. I brani proposti in ordine sono:

La prima canzone presentata nel film ”Passione” è Vesuvio, canzone dedicata al vulcano, manifesta l’ansia e l’ammirazione verso il monte, ma anche l’incombere continuo della morte sopra le nostre teste; il video è girato nel chiostro di San Martino

Si mont’ o si ‘ma mont’ ‘e na jastemm’
Si ‘a morte si ‘na mort’ ca’ po’ tremm’
Montagna fatta ‘e lava ‘e cient’ len’ (gue)
Tu tien’ ‘mman a te’ sta vita meja
So pizz’ ‘e case o so pizz’ ‘e galera
Addò staje chiuse d’a matina a sera
Si’ o purgatorio ‘e tutt’ chesta ‘ggente
Ca vive dint’ e barrache e vive ‘e stient’

Si fumm’ o si nun fumm’ ‘o faje rumore
‘o fuoco che te puort’ dint’ o core
Quann’ fa notte ‘e o ciel’ se fa scur’

Sul’ o ricordo ‘e te ce fa paura
Chi campa ‘nsiene ‘a te, te para’ nient
Si jesce pazz è pazz overamente
L’unica verità pe’ tutt’ quante


Sarria chell’ ‘e fui’
Ma po’ addo’ jamm’ , primma ca tocca juorno
Dopp’ tant’ stu’ ffuoco e lava ce port’ tutt’ quant’

A ‘mmiez’ a via
(strumentale)
Chi campa ‘nsiene ‘a te, te para’ nient’
Si jesce pazz è pazz overamente
L’unica verità pe’ tutt’ quante
Sarria chell’ ‘e fui’

Si mont’ o si ‘ma mont’ ‘e na jastemm’
Si ‘a morte si ‘na mort’ ca’ po’ tremm’
Montagna fatta ‘e lava ‘e cient’ len’ (gue)
Tu tien’ ‘mman a te’ sta vita meja

Vesuvio- Spakka Neapolis 55

Era de Maggio, una delle canzoni più celebri del panorama napoletano ha un ruolo centrale nel film ”Passione”. Famosa per la sua nostalgia e per i toni malinconici, nasce come poesia di Salvatore di Giacomo ed è stata interpretata dai più grandi della canzone napoletana e non solo come Roberto Murolo, Luciano Pavarotti, Renzo Arbore, Massimo Ranieri, Claudio Villa; il video è girato presso Largo Banchi Nuovi

Era de maggio e te cadéano ‘nzino,
a schiocche a schiocche, li ccerase rosse…
Fresca era ll’aria…e tutto lu ciardino
addurava de rose a ciento passe…

Era de maggio, io no, nun mme ne scordo,
na canzone cantávamo a doje voce…
Cchiù tiempo passa e cchiù mme n’allicordo,
fresca era ll’aria e la canzona doce…E diceva: “Core, core!

core mio, luntano vaje,
tu mme lasse, io conto ll’ore…
chisà quanno turnarraje!

Rispunnev’io: “Turnarraggio
quanno tornano li rrose…
si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stóngo ccá…
Si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stóngo ccá.”

E só’ turnato e mo, comm’a na vota,
cantammo ‘nzieme lu mutivo antico;
passa lu tiempo e lu munno s’avota,
ma ‘ammore vero no, nun vota vico…

De te, bellezza mia, mme ‘nnammuraje,
si t’allicuorde, ‘nnanz’a la funtana
Ll’acqua, llá dinto, nun se sécca maje,
e ferita d’ammore nun se sana…

Nun se sana: ca sanata,
si se fosse, gioja mia,
‘mmiez’a st’aria ‘mbarzamata,
a guardarte io nun starría !
E te dico: “Core, core!
core mio, turnato io só…

Torna maggio e torna ‘ammore:
fa’ de me chello che vuó!
Torna maggio e torna ‘ammore:
fa’ de me chello che vuó “

Comme facette mammeta, brano scritto da Giuseppe Capaldo, è sempre stato musicato con melodie giocose e felici. In questa versione del film ”Passione” invece assume una vita nuova molto più incisiva; il video è stato girato a Palazzo dello Spagnuolo.

Quanno mámmeta t’ha fatta,
quanno mámmeta t’ha fatta…
Vuó’ sapé comme facette?
vuó’ sapé comme facette?…

Pe’ ‘mpastá sti ccarne belle,
pe’ ‘mpastá sti ccarne belle…
Tutto chello ca mettette?
tutto chello ca mettette?…

Ciento rose ‘ncappucciate,
dint”a mártula mmescate…
Latte, rose, rose e latte,
te facette ‘ncopp”o fatto!…

Nun c’è bisogno ‘a zingara
p’andiviná, Cuncè’…
Comme t’ha fatto mámmeta,
‘o ssaccio meglio ‘e te!…

E pe’ fá ‘sta vocca bella,
e pe’ fá ‘sta vocca bella…
Nun servette ‘a stessa dose,
nun servette ‘a stessa dose…

Vuó’ sapé che nce mettette?
Vuó’ sapé che nce mettette?…
mo te dico tuttecosa…

mo te dico tuttecosa:
nu panaro chino, chino,
tutt”e fravule ‘e ciardino…
Mèle, zuccaro e cannella:
te ‘mpastaje ‘sta vocca bella…

Nun c’è bisogno ‘a zingara
p’andiviná, Cuncè’…
Comme t’ha fatto mámmeta,
‘o ssaccio meglio ‘e te…

E pe’ fá sti ttrezze d’oro,
e pe’ fá sti ttrezze d’oro…
Mamma toja s’appezzentette,
mamma toja s’appezzentette…

Bella mia, tu qua’ muneta!?
bella mia, tu qua’ muneta!?
Vuó’ sapé che nce servette?
vuó’ sapé che nce servette?…

Na miniera sana sana,
tutta fatta a filagrana,
nce vulette pe’ sti ttrezze,
che, a vasá, nun ce sta prezzo!

Nun c’è bisogno ‘a zingara,
p’andiviná, Cuncè’…
comme t’ha fatto mámmeta,
‘o ssaccio meglio ‘e te…

Malafemmena, canzone storica scritta da Totò qui è interpetrata da Massimo Ranieri e Lina Sastri che rappresentano visivamente la storia della canzone.

Si avisse fatto a n’ato
chello ch’hê fatto a me,
st’ommo t’avesse acciso…
e vuó’ sapé pecché?
Pecché ‘ncopp’a ‘sta terra,
femmene comm’a te,
nun ce hann”a stá pe’ n’ommo
onesto comm’a me…

Femmena,tu si’ na malafemmena…
a st’uocchie hê fatto chiagnere,
lacreme ‘e ‘nfamitá…

Femmena,
tu si’ peggio ‘e na vipera,
mm’hê ‘ntussecato ll’ánema,
nun pòzzo cchiù campá…

Femmena,
si’ doce comm”o zzuccaro…
peró ‘sta faccia d’angelo,
te serve pe’ ‘nganná!

Femmena,
tu si’ ‘a cchiù bella femmena…
te voglio bene e t’odio:
nun te pòzzo scurdá…

Te voglio ancora bene,ma tu nun saje pecché…
pecché ll’unico ammore
si’ stato tu pe’ me!…
E tu, pe’ nu capriccio,
tutto hê distrutto oje né’…
Ma Dio nun t”o pperdona
chello ch’hê fatto a me…

Femmena,
tu si’ na malafemmena…
a st’uocchie hê fatto chiagnere,
lacreme ‘e ‘nfamitá…

Femmena,
tu si’ peggio ‘e na vipera,
mm’hê ‘ntussecato ll’ánema,
nun pòzzo cchiù campá…

Femmena,
si’ doce comm”o zzuccaro…
peró ‘sta faccia d’angelo,
te serve pe’ ‘nganná!

Femmena,
tu si’ ‘a cchiù bella femmena…
te voglio bene e t’odio:
nun te pòzzo scurdá…

Passione di un popolo

Nel film ”Passione” John Turturro attraversa ogni strato della cultura napoletana, non facendosi intimorire dall’essere straniero ed estraneo di queste appunto passioni. Le affronta lasciandosi trasportare da alcuni dei più grandi conoscitori di questo popolo, Sergio Bruni, Totò, Massimo Ranieri, Enzo Avitabile, James Senese, raccontando il bello e il brutto.

Passione è quello che il grande attore e regista ha trovato vivendo un lungo periodo a Napoli, passione è la ricerca che ha eseguito quasi come un documentarista nello scovare posti e usanze più disparate, spesso sconosciute, passione è la perfetta descrizione di un popolo che con cameo e piccole interviste rende viva l’intera opera, passione è l’unica definizione che si può attribuire ad una città così sconfinata.

Bibliografia

Passione, di John Turturro 2013

Diventa un sostenitore!

Abbiamo deciso di eliminare le pubblicità dal sito web per garantire la massima godibilità delle nostre storie. Abbiamo però bisogno di un sostegno economico per mantenere in vita le nostre attività di redazione: unisciti ai sostenitori della nostra piattaforma, per te tanti vantaggi e video in anteprima!

Lascia un commento

error: AVVISO: Non puoi copiare il contenuto!