La statua di Ferdinando II a Pietrarsa, una sfortunata opera d’arte

di Silvio Sannino

Il polo siderurgico di Pietrarsa, voluto da Ferdinando II, fu per lungo tempo tra i centri industriali più grandi del sud Italia. La fama del complesso siderurgico campano non si legò solo ai prodotti della sua industria, ma anche alla sua bellezza paesaggistica ed architettonica. Non è un caso che numerosi regnanti europei in visita al regno delle due Sicilie ebbero come tappa del loro viaggio il polo siderurgico di Pietrarsa. Illustri ospiti del polo siderurgico furono, ad esempio, il pontefice Pio IX e lo zar Nicola I. Uno degli elementi più esteticamente rappresentativi del polo è, senza dubbio, la grande statua di Ferdinando II edificata nel 1853.

Oggi la statua di Ferdinando II è posta in bella mostra all’interno dell’odierno museo ferroviario, tuttavia le alterne vicende che seguirono l’unità nazionale, come è possibile immaginare, non furono così fortuite nei confronti di questa meravigliosa opera d’arte ottocentesca.

Ferdinando II
statua in ghisa di Ferdinando II presso Pietrarsa

La nascita del monumento

La statua in ghisa rappresentante Ferdinando II fu realizzata nel 1852 e inaugurata in occasione del suo quarantatreesimo genetliaco, nel 1853, anche se l’intento di una simil produzione da porre all’interno dello stabilimento siderurgico risulta documentato sin dal 1848. L’autore dell’opera fu Pasquale Riccia, talentuoso scultore nativo di Capua tuttavia formatosi a Roma sotto patrocinio della corona borbonica.

Fu artista di gran talento che operò per molte famiglie patrizie romane nonché per lo stesso pontefice Pio VIII. Richiamato a Napoli dalla corona contribuì ai lavori atti ad ultimare la chiesa di san Francesco di Paola presso l’odierna piazza Plebiscito, nonché alla realizzazione della sopracitata statua di Ferdinando II.

Il piedistallo della statua misura 3,44 metri e pesa 130 quintali, la statua in sé invece misura 4,50 metri. Una composizione impressionante per dimensioni, pregevolezza e materiali d’uso. Bisogna sempre tenere a mente che fusioni in ghisa di tal pregio e dimensione non eran cosa facile a vedersi, specialmente nell’800.

La statua di Ferdinando II a Pietrarsa, una sfortunata opera d'arte
statua in ghisa di Ferdinando II

Sulla faccia anteriore del piedistallo si può leggere in caratteri in ghisa dallo splendido stile ottocentesco:

FERDINANDO II

PIO MAGNANIMO AUGUSTO

FRA TANTE OPERE GRANDI

QUESTE MECCANICHE OFFICINE

EMULATRICI

DELL’INDUSTRIA STRANIERA

CREO’ NEL 1842

COME RICORDANZA ED OSSEQUIO

FUSERO IL MONUMENTO

MDCCCLII

La statua di Ferdinando II a Pietrarsa, una sfortunata opera d'arte
statua di Ferdinando II, particolare del piedistallo

sull’altro lato del piedistallo si poteva leggere:

REAL OPIFICIO DI PIETRARSA

DALLA SUA FONDAZIONE

DIRETTA SEMPRE

DAL

MAGGIORE COMMENDATORE LUIGI CORSI

Tuttavia, probabilmente in periodo post unitario, gran parte dell’iscrizione fu abrasa, forse per l’eccessivo peso dato ad un vecchio dirigente borbonico. Tale operazione di rimozione ha quindi lasciato solo l’iscrizione “REAL OPIFICIO DI PIETRARSA”. Il destino della statua fu piuttosto infelice dopo l’unità nazionale. Bersagliata da numerosi atti vandalici essa fu posta dalla dirigenza della fabbrica nei depositi dello stabilimento. L’obbiettivo di tale azione fu probabilmente duplice: proteggere l’opera da atti vandalici e rimuovere il ricordo di un passato dello stabilimento ormai considerato come inconciliabile con l’odierna coscienza nazionale.

La statua di Ferdinando II a Pietrarsa, una sfortunata opera d'arte
la statua di Ferdinando II prima del restauro del 2016

Si racconta che re Umberto I, giunto a Pietrarsa per visitare lo stabilimento, nel vedere la statua ormai accantonata in un sottoscala rimase per alcuni momenti a guardarla, per poi salutare il vecchio monarca con fare cavalleresco. Forse il nuovo re d’Italia provava pietà per l’avversa sorte toccata ad un monarca come lui, temendo un futuro simile. La statua fu riposta nel suo luogo originario in un momento meno storicamente teso: nel 1903 una commissione per la tutela dei monumenti in Campania decise di esporla nuovamente.

Tuttavia le traversie di questa opera non finirono lì: essa fu attanagliata dallo stesso stato di abbandono in cui versava lo stabilimento di Pietrarsa. Per il suo restauro si dovrà aspettare il 2016, nel corso di un piano di riqualificazione dell’intero polo museale i cui proficui risultati sono ben visibili ancora oggi.

La statua di Ferdinando II a Pietrarsa, una sfortunata opera d'arte
la statua di Ferdinando II durante il restauro del 2016, fondazione FS Italiane

Bibliografia

C. de Sterlich, Cronica Giornaliera delle province napoletane dal primo al trentuno marzo 1869, Napoli, stabilimento tip. delle belle arti, 1869

Raccolta Rassegna Storica dei Comuni vol. I anno 1969, istituto di studi Atellani

Salvatore d’Auria, Il medagliere dei re, Vol. III, 2019

Diventa un sostenitore!

Abbiamo deciso di eliminare le pubblicità dal sito web per garantire la massima godibilità delle nostre storie. Abbiamo però bisogno di un sostegno economico per mantenere in vita le nostre attività di redazione: unisciti ai sostenitori della nostra piattaforma, per te tanti vantaggi e video in anteprima!

Lascia un commento


Warning: Undefined array key "allow_sel_on_code_blocks" in /home/storiena/public_html/wp-content/plugins/wccp-pro/js_functions.php on line 234
error: AVVISO: Non puoi copiare il contenuto!