L'incredibile storia del Primo Policlinico di Napoli

L’incredibile storia del Primo Policlinico di Napoli

Una struttura imponente sita nel Centro Storico di Napoli alle spalle di Piazza Bellini dirimpetto alla Chiesa di San Pietro a Majella. Parliamo del Primo Policlinico o Vecchio Policlinico il quale ospita ben 12 dipartimenti e centinaia di pazienti e studenti ogni giorno.

I lavori per la costruzione del Primo Policlinico iniziarono nel 1899 e terminarono nel 1907, secondo i progetti degli ingegneri Pierpaolo Quaglia e Guglielmo Melisurgo in un’area molto vasta occupata da ben due monasteri: quello della Croce di Lucca e quello della Sapienza.

Policlinico demolizione chiese
Fonte: Web

Fu uno scempio contro il quale si scagliò Benedetto Croce che si appellò al sindaco Luigi Miraglia sulle pagine della rivista “Napoli Nobilissima“. La sua protesta diede importanti risultati. Vennero comunque rasi al suolo due palazzi nobiliari: D’Aponte e De Curtis; rimase però parte della Chiesa della Croce di Lucca (privata dell’abside) e fu risparmiata la Chiesa della Sapienza.

Nel 1980 il terremoto dell’Irpinia interessò purtroppo anche Napoli e per ironia della sorte i nostri monasteri che furono così definitivamente abbattuti perché ritenuti pericolosi.

Intanto oggi da Piazza Miraglia, la quale prende il nome da un sindaco che aveva fatto ben poco per salvaguardare il patrimonio artistico napoletano, si ammirano i padiglioni del Primo Policlinico. Esso è sede della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’ Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitellioltre ad ospitare numerosi poli ambulatoriali. Altre strutture universitarie annesse si trovano nel complesso di Sant’Andrea delle Dame e nel complesso di Santa Patrizia in cui è possibile visitare il bellissimo Museo di Anatomia Umana.

L'incredibile storia del Primo Policlinico di Napoli
Fonte: web

Non Tutti sanno che al di sotto del Primo Policlinico ci sono i resti dell’antica Neapolis ed in particolare dell’acropoli. Diverse volte si è parlato della realizzazione del grande Parco Archeologico per riqualificare l’assetto urbanistico di Napoli ed in particolare di quest’area senza però un reale intervento. Ci auguriamo quindi che facendo conoscere alcune storie, sempre più persone si sensibilizzino per prendere a cuore la questione.

Anna Barone

1 comment
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
Storie di Napoli, il portale dei giovani artisti napoletani

Storie di Napoli, il portale dei giovani artisti napoletani

Vogliamo condividere con chi ci legge un annuncio: con infinito orgoglio, il gruppo di Storie di Napoli è diventato grandissimo. Siamo partiti in quattro, a Febbraio siamo diventati 8 e, da…
Il nome americano di Via Duomo

Il nome americano di Via Duomo

Il nome americano di Via Duomo Ho sempre notato la particolare affezione dei napoletani nello scegliere un nome, perché ognuno di essi racchiude una storia e deve essere in grado…
Custer, Toro Seduto, il carciofo del Vomero e Giovanni Martini

Custer, Toro Seduto, il carciofo del Vomero e Giovanni Martini

Giovanni Martini: il napoletano sopravvissuto a Custer, Toro Seduto e i carciofi del Vomero Che legame c’è tra il generale Custer, Toro Seduto e i carciofi? Una tromba! Come mai? Questa è la spettacolare storia di Giovanni Martini, un napoletano trasferitosi negli U.S.A.dopo essere stato cacciato dall’esercito di Garibaldi.
La villa del Pausilypon

La villa del Pausilypon

L’interessante storia e le incredibili leggende della villa del Pausilypon, abbandonata per anni, ed ora frequentata ogni giorno da tantissimi turisti.
Il Jazz & Piano dell’Isola Verde

Il Jazz & Piano dell’Isola Verde

Quest’estate sa di Jazz! Il mare si gonfia impetuoso ed è facile lasciarsi dondolare dalle sue forme, dalla sua risacca millenaria. Basta un colpo d’elica per balzare così dalla metropoli, che lievita incessantemente, a questo paradiso.