Vico Melofioccolo, la strada di un albero che non esiste più

Vico Melofioccolo, la strada di un albero che non esiste più

Il nome di Vico Melofioccolo ispira una simpatia innata e lascia immaginare chissà quale albero da frutto degno delle storie della Melevisione.
In realtà saremo ben delusi nello scoprire che non esiste più nessun albero in zona, trovandosi nel cuore del Porto di Napoli, ma questa piccolissima stradina ci regala un’atmosfera davvero speciale.

Vico Melofioccolo targa
La targa di Vico Melofioccolo

Palazzo Amendola a Vico Melofioccolo

Cominciamo con il notare due targhe che si trovano ai due lati del vicolo, sia sul lato di Via Sedile di Porto che sul lato che affaccia su Largo Banchi Nuovi. Spiegano che questo tratto di strada è stato ricavato dal cortile di un palazzo nobiliare. In effetti, se ci facciamo caso, è proprio vero: basta guardare il vicolo per capire di essere all’interno di un palazzo, con le decorazioni ai lati degli ingressi, tipiche dei cortili degli edifici nobiliari, e una fontana in gravissimo stato di degrado.

Questo palazzo apparteneva alla famiglia Amendola (come indicato anche nella targa sopra Vico Melofioccolo, che recita più o meno così: “Per utilità pubblica, gli inquilini aprirono questa strada nell’edificio di Niccolò Amendola. Anno 1714“. In realtà il nome Amendola nemmeno è corretto: originariamente il nome della famiglia era Melia nel Medioevo, poi Amella e infine Amendola.

Secondo Gino Doria è improbabile che Melofioccolo sia una qualsiasi storpiatura dell’originale nome “Melia“. Anche perché il palazzo è settecentesco, quindi quando la famiglia già si chiamava Amendola.

Vico Melofioccolo, la strada di un albero che non esiste più

Ma adesso veniamo alla domanda più difficile: cos’è il melofioccolo?

Non si sa con precisione. Ci sono diverse supposizioni ed il Melofioccolo è ritrovato anche sotto la forma di “meloscioccolo” in diverse fonti napoletane antiche. Emmanuele Rocco lo identifica nell’albero di giuggiolo. Proprio lui, quello del brodo di giuggiole!

La giuggiola, nello specifico Ziziphus jujuba, ha origini orientali ed è un frutto tipicamente autunnale: il famoso brodo di giuggiole era già noto agli antichi greci ed è citato da Erodoto. I romani, poi, lo consideravano un albero portafortuna e legato alla dea Prudenza: furono proprio loro a diffonderlo in tutto il Mediterraneo, spesso usandolo come ornamento nei giardini delle ville. Il brodo di giuggiole, invece, è di origine norditaliana: furono i Gonzaga, nei loro colossali banchetti rinascimentali, a far produrre per la prima volta un liquore a base di giuggiole (erano presenti anche mele, uva, melograni ed altri prodotti della terra autunnali): fu poi l’Accademia della Crusca a codificare nel primo dizionario di Italiano l’espressione, indicandola come “situazione di estrema gioia“, in quanto il brodo di giuggiole era servito alla fine dei banchetti come digestivo.

Il Vico Melofioccolo napoletano è quindi probabilmente riferito allo stesso albero, ma con il suo nome regionale che, con il passare dei secoli, ha abbandonato il parlato comune. D’altronde, anche a Materdei c’era un altro Vico Melofioccolo, oggi diventato Via Roberto Savarese.

-Federico Quagliuolo

Giuggiola frutto
Chi

Riferimenti:
Gino Doria, Le strade di Napoli, Ricciardi Editore, Milano, 1982
Romualdo Marrone, Le strade di Napoli, Newton Compton, Napoli, 1994
https://www.brodogiuggiole.it/brodo-giuggiole/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accetto la Privacy Policy

You May Also Like
Scopriamo Marechiaro, un luogo dell'anima.

Scopriamo Marechiaro, un luogo dell’anima.

Il piccolo Borgo Marechiaro, nel quartiere Posillipo, è uno dei luoghi più incantevoli della nostra città ed un rifugio di pace dal caos quotidiano. Tra lusso e pescatori, mare e fiori lungo la strada, con i suoi ristorantini caratteristici e le viuzze strette è stato uno dei simboli della dolce vita napoletana negli anni ’60.