Storie di Napoli e la Reggia di Caserta: un successo da 3 milioni di visite

Storie di Napoli e la Reggia di Caserta: un successo da 3 milioni di visite

3 milioni di persone, da oggi, sono ancora più innamorate della Reggia di Caserta. Grazie alla collaborazione fra Storie di Napoli e l’ente museale, infatti, abbiamo proposto alla direzione la produzione di ben 4 videostorie, 3 articoli e una videodiretta diffusa sui canali del nostro network.

Il risultato? Numeri straordinari, degni della grandezza dell’opera che abbiamo sponsorizzato e perfettamente in linea con lo standard elevatissimo di Storie di Napoli.

Le reaction sono state immediate. Siamo infatti stati inondati su Instagram da tag di persone che, dopo aver visto i nostri post, sono state stuzzicate dalla voglia di passare una giornata alla Reggia.

Storie di Napoli e la Reggia di Caserta: un successo da 3 milioni di visite

Le videostorie

Alternando i soggetti davanti alla telecamera, fra Federico Quagliuolo e Laura d’Avossa, abbiamo raccontato vicende particolari e storie insolite di uno dei monumenti più belli d’Italia. Oltre alla immancabile storia della residenza borbonica e dei suoi giardini incantevoli, abbiamo anche indugiato su curiosità ed episodi particolari: ci sono infatti i video sulla resa di Caserta del 1945 e su tutti i film girati all’interno della Reggia, corredati dai rispettivi articoli.

Nello specifico, il video con il maggior numero di reach è stato quello legato alla storia della Reggia: 595.000 persone raggiunte al 22 luglio 2021, senza ancora nessuna seconda condivisione sulla pagina. A questi numeri vanno aggiunti anche le 55.000 visualizzazioni su Instagram e le 1500 su Youtube.

Segue il video sui giardini della Reggia, con un reach di 350.000 utenti.

Storie di Napoli e la Reggia di Caserta: un successo da 3 milioni di visite
Il grafico del coinvolgimento del video sulla Reggia di Caserta su Facebook. Lo abbiamo condiviso anche su Instagram, Tiktok e Youtube.
Reggia di Caserta articolo
L’articolo sulla Reggia di Caserta

Gli articoli sulla reggia

Firmati da Laura d’Avossa, Federico Quagliuolo e Umberto Rusciano, abbiamo anche provveduto a realizzare articoli ed eleganti photogallery, potendoci avvalere dell’esperienza e della tecnica del nostro Federico Quagliuolo, fotografo professionista da 10 anni, premiato anche a New York.

Anche qui il numero di letture si è mantenuto molto alto, garantendo 150.000 condivisioni complessive dei 5 articoli che abbiamo scritto, divisi per 400.000 lettori in 4 mesi. Anche qui, a far la parte del leone è l’articolo della Reggia di Caserta, con 100.000 condivisioni divise in 33.000 condivisioni solo dal sito web (su Instant Articles sono 45.000 complessive, 2300 sotto il post della pagina Storie di Napoli).

Federico Quagliuolo Laura d'Avossa
Federico Quagliuolo e Laura d’Avossa durante le registrazioni nella Reggia
Giardini della Reggia video insights
Insights del video sui Giardini della Reggia

Il nostro pubblico

Prevalentemente campano (65% dei visitatori), rispecchiando d’altronde il target di Storie di Napoli, il pubblico raggiunto dai nostri video è di appassionati di Storia e cittadini amanti del proprio patrimonio culturale è perfetto per convertire gli spettatori in effettivi visitatori o utenti attivi, senza disdegnare le visite delle altre regioni per poter godere anche di una divulgazione limitata ai confini regionali.
Abbiamo il vanto anche di poter godere di un pubblico selezionato, di buona preparazione culturale, ma allo stesso tempo ampio e variegato. Storie di Napoli infatti nel 2020 si è confermata la più grande pagina di divulgazione storica regionale in Italia, con il suo network di 260.000 iscritti sui vari canali social e 10.000.000 lettori annui.

Insomma, è il caso di dirlo: l’innovazione nella divulgazione culturale parte dalla Campania. E Storie di Napoli è protagonista nella valorizzazione del patrimonio della Regione.

-Chiara Sarracino
Responsabile della comunicazione di Storie di Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like