Vic Barney, il soldato che ricostruì lo stadio Collana

di Leonardo Quagliuolo

Vic Barney, un soldato britannico, fu tra le numerose persone che videro un punto di svolta nella propria vita al seguito di un soggiorno a Napoli. Da sempre appassionato di calcio, trovò la perfetta occasione per unire l’utile al dilettevole quando fu messo a capo del progetto di ricostruzione dello stadio del Vomero.

Un incarico inaspettato

Classe 1922, il poco più che ventenne soldato di fanteria Vic Barney si arruolò nell’esercito del Regno Unito e prese parte, assieme agli Alleati, a delle operazioni su suolo italiano. Fu proprio la sua carriera militare a portarlo a Napoli per la prima volta.

Vic Barney, il soldato che ricostruì lo stadio Collana
1943: gli Alleati entrano a Napoli

Nel 1945, gli capitò un’occasione interessante: gli fu assegnato un ruolo di primo piano nel progetto di ricostruzione e riqualificazione dello “Stadio del littorio, che sarebbe stato sucessivamente noto come “Stadio Arturo Collana“, anch’esso, come lo stadio Ascarelli, devastato dai bombardamenti.

Quale migliore occasione per lui, che fin da bambino era un grande appassionato di calcio! Infatti, nonappena il terreno tornò utilizzabile, non mancò occasione di giocare delle partite con i suoi commilitoni.

Con la fine del conflitto, il passaparola non fece aspettare molto tempo perchè le partite tra soldati, stremati dalla scia di morte della guerra e desiderosi di divertimento, diventassero molte di più e a cadenza regolare: lo stadio aveva ufficialmente avuto una nuova vita.

Storia dello stadio Collana

Inaugurato nel 1929 come “Stadio del Vomero“, il suo nome fu in breve tempo cambiato con il più trionfalistico nome “XXVIII Ottobre”, in memoria della data della Marcia su Roma. Divenne poi noto come “Stadio del littorio” e, durante la seconda guerra mondiale, fu utilizzato come luogo di detenzione dai nazisti.

Vic Barney stadio
Lo stadio collana e la piazza (oggi Quattro Giornate) in una foto degli anni ’40.

Danneggiato dai bombardamenti e dalle insurreizioni delle Quattro Giornate (a cui oggi è dedicata la piazza antistante), fu ricostruito e ribattezzato “Stadio della Liberazione“. Solo negli anni ’60 fu dedicato al giornalista Arturo Collana.

Inadeguato per contenere i numerosi tifosi del Napoli e delle sue altrettanto celebri squadre avversarie, il suo ruolo divenne sempre più secondario, per poi essere spodestato dallo Stadio San Paolo di Fuorigrotta, oggi dedicato a Diego Armando Maradona.

Un inglese al Napoli

Tra il 1945 e il 1946, l’inglese Vic Barney, che non rinunciava mai a prendere parte a delle partite presso il suo affezionato stadio ricostruito, fu più volte invitato a giocare assieme ai calciatori della Società Sportiva Calcio Napoli. Era l’unico straniero in una squadra di soli italiani, ma che lo segnò profondamente e gli permise, inoltre, di legarsi ai suoi compagni di squadra.

Vic Barney telecronista
Cronista sportivo allo Stadio Collana, anni ’40.

Terminata la guerra, si stabilì a Londra con sua moglie. Nel corso degli anni ’50, rimase legato al mondo del calcio, sia come giocatore, che come allenatore, ma rimanendo nell’ambito del Regno Unito. Tuttavia, non gli mancò occasione di tornare a Napoli, stavolta come turista.

La sua ultima visita in città fu nel 1992. Morì nel 2006, ad 84 anni, dopo una vita trascorsa inseguendo la sua passione per il calcio, perfino in tempi di guerra.

-Leonardo Quagliuolo

Per approfondire:

Oxford Mail

Barry Hugman’s footballers

Diventa un sostenitore!

Abbiamo deciso di eliminare le pubblicità dal sito web per garantire la massima godibilità delle nostre storie. Abbiamo però bisogno di un sostegno economico per mantenere in vita le nostre attività di redazione: unisciti ai sostenitori della nostra piattaforma, per te tanti vantaggi e video in anteprima!

Lascia un commento


Warning: Undefined array key "allow_sel_on_code_blocks" in /home/storiena/public_html/wp-content/plugins/wccp-pro/js_functions.php on line 234
error: AVVISO: Non puoi copiare il contenuto!